giovedì 5 maggio 2011

La Preghiera riformata del VENERDì SANTO!


Messale Romano:
PER LA CONVERSIONE DEGLI EBREI:
Preghiamo anche per gli infedeli Ebrei, affinché il Signore e Dio nostro tolga il velo dai loro cuori ed anche essi riconoscano il Signore nostro Gesù Cristo.
Dio onnipotente ed eterno, che non allontani dalla tua misericordia neppure la incredulità degli ebrei, esaudisci le nostre preghiere, che ti presentiamo per l'accecamento di quel popolo, affinché riconosciuta la luce della tua verità, che è Cristo, siano liberati dalle loro tenebre. Per il nostro Signore...Amen


Messa di Paolo VI (1970):
PER GLI EBREI (dopo il Concilio non si menziona la necessità della CONVERSIONE).
Preghiamo per gli ebrei: il Signore Dio nostro, che li scelse primi fra tutti gli uomini ad accogliere la sua parola, li aiuti a progredire sempre nell'amore del suo nome e nella fedeltà alla sua alleanza.....
Dio onnipotente ed eterno, che hai fatto le tue promesse ad Abramo e alla sua discendenza, ascolta la preghiera della tua Chiesa, perché il popolo primogenito della tua alleanza possa giungere alla pienezza della redenzione. Per Cristo nostro
Signore.

Ratzinger 2008
PER LA CONVERSIONE DEGLI EBREI:
Preghiamo anche per gli Ebrei, affinché Dio nostro Signore illumini i loro cuori e riconoscano Gesù Cristo salvatore di tutti gli uomini.
O Dio onnipotente ed eterno, che vuoi che tutti gli uomini siano salvati e pervengano alla conoscenza della verità, concedi benigno che, entrando la pienezza delle genti nella Tua Chiesa, tutto Israele sia salvo. Per Cristo nostro Signore. Amen.





****

Non sono solo preghiere ma sembrano espressione di religioni differenti. Perchè ribadisco che il Magistero Papale omogeneo sugli ebrei lo possiamo leggere con attenzione qui!

Allora Dio per Salvare gli ebrei che deve fare: Chiede ai cattolici di pregare perchè Egli benignamente tolga il velo imposto per punizione (cfr. San Paolo), per poi dare la possibilità agli ebrei di convertirsi? (Cecità inferta loro da Dio stesso perchè gli ebrei [quelli fuori dal piccolo resto che si è costituito nella Chiesa] rifiutarono consapevolmente e liberamente di riconoscere Gesù come LORO Salvatore)

oppure:

I cattolici non devono fare niente perchè tanto gli ebrei si salvano in virtù della prima alleanza MAI revocata?

oppure:

Preghiamo perchè gli ebrei liberati da una cecità "misteriosa" (gli ebrei dopo il Concilio non sono più infedeli) riconoscano che gli ALTRI (tutti gli uomini) per salvarsi devono (GLI ALTRI) riconoscere Gesù Salvatore, perchè a loro (visto che la preghiera del 1970 è l'espressione ORDINARIA della CHIESA) sembra basti l'essere fedeli alla LORO PRIMA ALLEANZA "mai revocata"? Nel qual caso la preghiera di Ratzinga va benissimo!

Preghiera anche un po' "triste" perchè si chiede a Dio che, visto che farà entrare TUTTI nella pienezza (genti=goim="tutti gli uomini non ebrei") della Verità... si chiede che faccia entrare anche gli ebrei... ma non si capisce se questi ultimi per entrare necessitino di "convertirsi" alla Verità...

Tutto ciò si deve dare atto, è un capolavoro di ambiguità, tipica dei prodotti letterari di Ratzinger! Perchè la vera chiave interpretativa della preghiera del 2008 non è quella Tradizionale (la preghiera tradizionale del venerdì) ma quella vaticanosecondista cioè la "nuova" preghiera del 1970, mai modificata e immodificabile!

Infatti quando i rabbini si sdegnarono con Ratzinger, i suoi "eremeneuti" fecero a gara nel dire  che quella del Nuovo Messale era la linea corretta di interpretazione della NUOVA inserita nel Vecchio Messale!!

Per precisare:

Gentili è il termine italiano col quale si traduce la parola ebraica goym o gojim (ebraico singolare goj גוי, plurale גוים; yiddish גוי goj, plurale גוים gojim) e indica chi non è ebreo. Il reale significato di GENTIUM è quello di popolo, etnia NON EBREA, nazione Gentile cioè tutti i popoli PAGANI, tutte le genti, tutti gli altri uomini (perchè gli ebrei sono a parte, sono il "popolo- figlio").

La preghiera composta da Ratzinger questa distinzione è ben sottolineata:

C'è Israele e ci sono la: plenitudine gentium (tutti popoli biblicamente religiosamente non Ebrei) le Genti.

La prima parte della Preghiera di Ratzinger recita:
Oremus et pro Iudaeis, ut Deus et Dominus noster illuminet corda eorum, ut agnoscant Iesum Christum salvatorem omnium hominum. Preghiamo... perchè riconoscano ... Gesù Cristo salvatore di tutti gli uomini.

Sembra chiara, ma poi non tanto! Infatti si prega perchè gli ebrei riconoscano che Gesù è salvatore di tutti gli uomini, sarebbe stato più giusto scrivere, visto che è una preghiera indirizzata per gli ebrei, che LORO (gli EBREI, non tutti gli uomini indistintamente) riconoscano Gesù come LORO Salvatore!

Ma la seconda parte della preghiera rivela l'arcano, o l'inghippo...
Omnipotens sempiterne Deus, qui vis ut omnes homines salvi fiant et ad agnitionem veritatis veniant, concede propitius, ut plenitudine gentium in Ecclesiam Tuam intrante omnis Israel salvus fiat. Per Christum Dominum nostrum. Amen

O Dio onnipotente ed eterno, che vuoi che tutti gli uomini siano salvati (tutti gli uomini? chi? gli ebrei con i Gentili?, solo i gentili?, solo gli ebrei?) e pervengano alla conoscenza della verità, concedi benigno che, entrando la pienezza delle genti (ecco chiarito chi sono "tutti gli uomini" ovvero tutti i non ebrei: i pagani - cui sopra, che non sono depositari di alcuna Alleanza) nella Tua Chiesa, tutto Israele sia salvo. (Israele sembra proprio che NON ha quindi bisogno di conoscere la Verità, perchè è depositario della Prima Alleanza, MAI REVOCATA!). I Pagani si salveranno quando riconosceranno Gesù come loro Salvatore, gli ebrei (che dopo il Concilio non sono più infedeli) perseverando come ebrei, si salvano e basta!



1 commento:

Anonimo ha detto...

La preghiera di Ratzinger è cattolica se la si interpreta volutamente pro bono. L'art. 840 del CCC dice che gli ebrei credono nel Messia venturo, e i Cristiani credono nel Messia venuto, quindi ENTRAMBI credono al Messia e non è necessaria la conversione dei primi, che è escatologica. Nel libro luce del mondo, Ratzinger nega apertamente che la chiesa debba convertire gli ebrei, e usa il principio della nuova preghiera del messale del 1962, per spiegare che la conversione è un mistero escatologico che non riguarda l'oggi, concordando sostanzialmente con le letture che ne fa don Camillo.

Dipende poi cosa si intende con il termine "cattolico". Se cattolico è ciò che è conforme ad una Tradizione che manifesta una continuità nel tempo di Verità senza tempo, allora non è cattolica la nuova preghiera di Ratzinger, ed è non troppo sottilmente eretica. Se cattolico significa conforme al pensiero della gerarchia e del papa, allora non è cattolica l'interpretazione di don Camillo, e nemmeno papa Paolo IV, il concilio Lateranense IV, san Pio V e il Concilio di Trento.