sabato 9 novembre 2013

La posizione della Chiesa su Medjugorje dopo Müller.

Tutto come prima! 

Invece di parlare a sproposito su tale fenomeno, inviterei ad essere più prudenti, specie se a parlare o scrivere sono pure dei sacerdoti che si dichiarano tradizionalisti e si mettono pure sul pulpito per accusare altri preti di fedeltà ad "intermittenza", senza farsi un esame di coscienza sul proprio percorso personale quello sì, "ad intermittenza"!!!! Ecco!

Di Medjugorje ne abbiamo parlato qui.



(TRADUZIONE ITALIANA)


Nunziatura Apostolica
Stati Uniti d’America

21 Ottobre 2013

Reverendo Monsignor Jenkins.
Scrivo come richiesto da Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il quale chiede che i vescovi degli Stati Uniti siano avvisati, ancora una volta, della seguente (cf. mia lettera del 27 febbraio 2013, dello stesso numero di protocollo). Così, Sua Eccellenza desidera informare i vescovi che uno dei cosiddetti veggenti di Medjugorje, il signor Ivan Dragicevic, ha programmato di compiere visite in alcune parrocchie in giro per la nazione, durante le quali presenterà il fenomeno Medjugorje. E’ stato anticipato, inoltre, che il signor Dragicevic riceverà apparizioni durante queste visite programmate.
 
Come è ben consapevole, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha in atto un processo di investigazione circa gli aspetti dottrinali e disciplinari del fenomeno Medjugorje. Per questa ragione, la Congregazione ha affermato che, a riguardo della credibilità delle “apparizioni” in questione, tutti dovrebbero accettare la dichiarazione, datata 10 Aprile 1991, dai Vescovi della ex Repubblica di Jugoslavia, che asserisce: “Sulla base delle ricerche compiute, non è possibile affermare che si tratti di apparizioni o rivelazioni sovrannaturali”. Ne segue, pertanto, che il clero e i fedeli non hanno il permesso di partecipare ad incontri, conferenze o pubbliche celebrazioni nelle quali la credibilità di tali “apparizioni” venisse data per scontata.
 
Con l’intento, pertanto, di evitare scandalo e confusione, l’Arcivescovo Müller chiede che i Vescovi siano informati sull’argomento il prima possibile.
Prendo questa opportunità per presentarvi i miei sentimenti di profonda stima, e disposizione.
Sinceramente Suo in Cristo,

+ Carlo Maria Viganò
Nunzio Apostolico 
 
 


La posizione della Chiesa su Medjugorje rimane quella sintetizzata da Sua Eminenza il Card. Tarcisio Bertone, Segretario di Stato, nel libro "L'ultima veggente di Fatima" - Ed Rai-Rizzoli 2007 - pag 103-107.
Sua Santità Benedetto XVI ha voluto avvalorare il libro con una sua personale prefazione.

Al riguardo il Card. Bertone afferma:
1. "Le dichiarazioni del Vescovo di Mostar riflettono un'opinione personale, non sono un giudizio definitivo e ufficiale della Chiesa".
2. "Tutto è rinviato alla dichiarazione di Zara dei Vescovi della ex Jugolavia del 10 Aprile 1991, che lascia la porta aperta a future indagini. La verifica deve, perciò, andare avanti".
3. "Nel frattempo sono permessi i pellegrinaggi privati con un accompagnamento pastorale dei fedeli".
4. "Infine, tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali".

21 commenti:

Anonimo ha detto...

Bella la villa con piscina di Ivan...

A mio parere le apparizioni autentiche producono altri effetti sui veggenti vedasi ad esempio Ratisbonne tanto per non nominare i soliti noti...

don Camillo ha detto...

Non sono religiosi, il voto di povertà non l'hanno fatto, e ad ogni modo, sono uomini come noi e questi "favori celesti" non li abilitano ad essere "santi" ipso facto.
Massimino e Cornacchiola, per esempio, hanno sì avuto apparizioni, ma la loro vità non è stata un modello di santità da imitare alla lettera.

Anonimo ha detto...

Don Camillo, venendo a considerazioni più serie, cosa pensa dei messaggi che più hanno fatto discutere in ambito tradizionale, come quello che pareva a sfondo ecumenico?
Grazie

don Camillo ha detto...

(Liberamente tratto dal Padre Rene' Laurentin)

Il 18 agosto 1982 (CP 77), Mirjana trasmette alla Gospa una domanda su una ragazza, certamente cattolica, che doveva sposare un ortodosso. La risposta: – "Ai miei occhi e a quelli di Dio, tutto è uguale".
Come la Chiesa, nemmeno la Vergine proibisce i matrimoni misti e invita a rispettare l'uguaglianza delle persone, ma anche il bene della vera fede, come conferma la parte finale della risposta. La Vergine, in conclusione, sconsiglia tale matrimonio, per ragioni pratiche e per salvaguardare la rettitudine della fede.
– È meglio che non si sposi con quell'uomo, perché avrà da soffrire insieme ai suoi figli. Solo difficilmente potrà vivere e seguire il cammino della fede.
La risposta della Gospa a Marija, a proposito di un ragazzo zingaro ortodosso enuncia chiaramente il senso del messaggio: «Sia i musulmani che gli ortodossi, come i cattolici, sono uguali davanti a Dio e davanti a me, perché siete tutti miei figli» (C 128).
Il teologo dirà: «Non tutti nello stesso grado». Ma l'umiltà dei veggenti impedisce loro di vantarsi del rapporto filiale privilegiato che essi vivono. Marija riferisce proprio l'essenziale del messaggio: tutti gli uomini sono affidati a Maria come suoi figli ed essa li ama di identico amore, senza discriminazione e senza forzare loro la mano, non condizionata da alcuna reciprocità. L'altro episodio nel quale una ragazza musulmana vede la luce e beneficia di un'apparizione, rientra nella stessa ottica: l'uguaglianza delle persone che appartengono a religioni diverse non dipende solo dai diritti dell'uomo e dal rispetto delle persone ma dal fatto che Dio li ama e che la sua grazia li chiama con quella specie di predilezione attestata dal vangelo. Secondo la teologia più classica, la Chiesa cattolica possiede la pienezza dei mezzi di salvezza e la Grazia, ma noi non possiamo mettere limiti a questa Grazia, cioè noi non possiamo decidere come questa debba agire.

Nell'intervista del 10 gennaio 1983, T. Vlasic insiste:
– Se la religione musulmana è buona, qual è il ruolo di Gesù Cristo? Mirjana risponde prudentemente:
– Di questo non ne ho parlato con la Gospa. Essa mi ha solo spiegato quello che ho appena detto. Poi ha aggiunto: Questo succede soprattutto nei villaggi, cioè la divisione (sprezzante) provocata dalle religioni. Bisogna rispettare la religione di tutti, ma conservare la vostra per voi e per i vostri figli (FRI, 60).

David ha detto...

Incollo un passo di S. Giovanni della Croce che avevo messo nei commenti su Chiesa e post-concilio:

"L’anima, quindi, non deve mai azzardarsi a volere simili fenomeni, anche se, ripeto, venissero da Dio, perché accogliendoli va incontro a sei inconvenienti. In primo luogo, la sua fede va diminuendo, perché ciò che si sperimenta con i sensi svigorisce molto la fede, che, come si è detto, è al di sopra di tutti i sensi. In tal modo l’anima, non chiudendo gli occhi a tutte le cose che le vengono dai sensi, si allontana dal mezzo adatto per l’unione con Dio. In secondo luogo, tali manifestazioni diventano un impedimento per lo spirito se non vengono respinte, perché l’anima si adagia in esse e lo spirito non spicca il volo verso l’invisibile. Uno dei motivi per cui il Signore disse ai discepoli che era necessario per lui andarsene, perché potesse venire lo Spirito Santo (cfr. Gv 16,7), era proprio questo.
Per lo stesso motivo non permise che Maria Maddalena lo trattenesse dopo la risurrezione, ma si aggrappasse solo alla fede (cfr. Gv 20,17). In terzo luogo, l’anima va coltivando un sentimento di possesso nei confronti di queste comunicazioni e non fa progressi nella via della vera rinuncia e nudità di spirito."

Dato che lei è sacerdote non le sembra che apparizioni così lunghe ostacolino il progresso spirituale di chi le riceve?

Anonimo ha detto...

Se queste apparizioni fossere vere, verebbe da credere che la Madonna stia vicariando la Chiesa, nella tremenda crisi che Lei stessa aveva profetizzato a La Salette, se non ricordo male. Come spiegare altrimenti una sorta di magistero ordinario mariano lungo decenni ...
Questo è l'aspetto che più mi preoccupa: o è tutto falso, o è possibile che la Madonna non faccia una parola sulla crisi?
Sono solo spunti, forse don Camillo può aiutarci a capire.
E' doveroso però fare presente che io che scrivo sono molto dubbioso verso le apparizioni, soprattutto per il motivo appena riportato, pur non avendo una persuasione compiuta in un senso o nell'altro.
Grazie
P.

Renzo ha detto...

Anche se non hanno fatto il voto di povertà, caro don Camillo, non significa che arricchendosi liberamente non destino qualche perplessità sulla credibilità... Capirei se fosse stato uno di loro a farsi intrallazzare dal dio denaro, ma qui ci sguazzano tutti! Compresi tutti quelli che gli stanno attorno! Per caso, caro don Camillo, ha mai letto cosa prevedono le norme della Chiesa su questo versante? No, nhè?!

Andrea Carradori ha detto...

Caro don Camillo del fenomeno Madjugorje fin quanto la Chiesa mi dirà cosa fare mi interessa SOLO l'aspetto disciplinare e canonico.
Converrà con me che la situazione è quasi sedevacantista .
Ecco quello che ho scritto : http://traditiocatholica.blogspot.it/2013/11/medjugorje-prove-tecniche-di-dis.html

Un saluto

don Camillo ha detto...

Riporto una frase di una amica che mi ha scritto privatamente, che ben interpreta il mio pensiero:

"E quanto a Medjugorie, dovrebbe essere lapalissiano che la Chiesa NON si pronuncera' positivamente finche' i veggenti, veri o falsi che siano, sono in vita; e NON si pronuncera' negativamente finche' non vi siano sufficienti elementi di giudizio. E prima di condannar qualcuno gli elementi di giudizio devono essere molti; questa e' la prudenza ed anche la misericordia della Chiesa."

E detto questo:

Renzo scrive:
Per caso, caro don Camillo, ha mai letto cosa prevedono le norme della Chiesa su questo versante? No, nhè?!

Con il voler sempre ricordare che i veggenti sono "ricchi", hanno ville e piscine, non so dove si voglia arrivare. Avere una bella casa e vivere dignitosamente non mi sembra che sia segno che i veggenti vogliano "lucrare". Volete dire che "rubano" che "truffano", perchè questo modo di procedere vuole solo far insinuare che questi uomini e donne siano dei malfattori, il che, fino a prova contraria (con condanne pubbliche e fatti inequivocabili), NON è vero! Ammesso e non concesso, se ci sono delle persone che gli fanno delle donazioni a titolo personale, non mi sembra che incappano a qualcosa che va contro la Legge, o legge canonica, sarà poi la loro coscienza (in cui non possiamo entrare) che li guiderà. Le basse insinuazioni e le calunnie sono peccato grave!

Che la Madonna non abbia detto nulla sulla "crisi" della Chiesa? lei stesso sig. P. si è risposto quando dice:

"Se queste apparizioni fossere vere, verebbe da credere che la Madonna stia vicariando la Chiesa, nella tremenda crisi che Lei stessa aveva profetizzato a La Salette, se non ricordo male. Come spiegare altrimenti una sorta di magistero ordinario mariano lungo decenni.."

E sì, non sarebbe il primo caso visto che la Madre di Dio è apparsa per 54 anni (!) ad una pastorella, ma la cosa che a me piace, è che "Lei" parla ad una "parrocchia" ad una comunità comunissima e tradizionalissima, in un contesto ecclesiale dove oramai nell'ordinamento canonico "parrocchia" non ci crede più nessuno per via dei questi "nuovi movimenti e cammini" che hanno impoverito la parrocchia invece di arricchirla! Ed io che ci vivo in parrocchia lo so bene!

Andrea, i matti sono ovunque, ci sono a Medugorie, ci sono anche nel mondo tradizionalista, ma ne converrai: di Messa, confessione, digiuno, sacrifici, Santo Rosario chi ne parla più, nemmanco il Papa (grande assente nei messaggi da qualche anno, si parla solo di "amare e pregare per il pastori") impegnato a convertire chi non si potrà MAi convertire: IL MONDO, che segue altri principi e altri Principi come ha detto Gesù!

Il Parroco con cui ho parlato, primo destinatario dei Messaggi, mi pare molto cattolico, meno i suoi fraticelli collaboratori, ma si sa come ogni parrocchia c'è di tutto! A me NON ha negato di celebrare la Messa Tridentina, ed era anche molto contento ti devo dire!! Aveva solo paura per il suo Vescovo, ovviamente CONTRARIO alla Messa e alla Tradizione a prescindere!

Concludo, anche io ovviamente, non mi pronuncio, ma sono stato pellegrino insieme ad altri preti con un pellegrinaggio non organizzato ma conosciuto dalla mia diocesi, e poi guida di altri pellegrini, non posso che parlarne bene, tolte le aberrazioni di esaltati e carismatici)! Personalmente il Messaggio del 25/05/2010, mi ha confermato e molto rassicurato... ma i tradizionalisti, brontoloni continuano ad ignorarlo.

Anonimo ha detto...

"Con il voler sempre ricordare che i veggenti sono "ricchi", hanno ville e piscine, non so dove si voglia arrivare."

Si chiama superbia della vita. E' La stessa mondanità di cui ha parlato recentemente papa Francesco.

Anonimo ha detto...

Grazie don Camillo, utili elementi per riflettere.
P.

don Camillo ha detto...

Medugorie è avvolto di luce e anche di ombre, per esempio mi ha molto colpito la statua di bronzo di Gesù che da anni trasuda, un effetto straordinario NON spiegabile scientificamente..., i frati di lì ovviamente o ignorano o minimizzano, ma rimane uno dei misteri, ho poi delle testimonianza di miei parenti che hanno visto in una occasione nella Chiesa di San Giacomo la Madonna, ma anche in quel contesto, come si fa a capire dove è reale apparizione e dove è suggestione, mia cugina è una gente di sicurezza, molto attenta e poco influenzabile, però... però...

Io sono propenso a dare fiducia, ma la prudenza mi fa stare sempre guardingo, ma in genere è sempre così, c'è una crisi in atto e "siamo in guerra". Con i miei confratelli sacerdoti, compresi i lefebvriani, con alcuni c'è una perfetta identità di vedute con altri no!

Chi vivrà vedrà.

Andiamo avanti!

Renzo ha detto...

Caro don Camillo, le vorrei chiedere se conosce la storia di Medugorje fin dall'inizio. E se sa il motivo per cui il vescovo Zanic, all'inizio propenso a credere, poi fu risolutamente contrario. Perchè tutto verte su 'quel' fatto. E cioè quando la 'Madonna' gli mandò a dire che se non avesse creduto lo avrebbe raggiunto il suo giudizio...
Io sono un ex medugoriano. Devoto alla SS. Vergine. Non credulone.

don Camillo ha detto...

Renzo, comprendo il tuo stato d'animo e lo rispetto. Ma i veggenti devi comprendere non sono delle fotocopiatrici che ripetono a macchinetta i lunghi discorsi della Gospa, perché essi riferiscono i messaggi globalmente, a memoria, dopo un periodo di tempo che può variare, che rende possibili semplificazioni, approssimazioni e trasposizioni. La loro ricostruzione dà adito a molte sfumature. Da questo punto di vista, è probabile che la Madonna abbia chiesto al Vescovo di essere meno scettico, ma quei toni, quelle parole, sono anche frutto di una loro personale rielaborazione, che in un certo senso potrebbero avvalorare ancora di più le loro esperienze celesti. Tu sai bene che agli albori i veggenti sono stati sotto attacco dalle autorità comuniste, e sai come abbiamo reagito "umanamente" agli incomprensibili (per loro) rifiuti del Vescovo, e come anche i frati abbiano soffiato sul fuoco del rancore, eccolo là, una "Parola" potrebbe essere poi stata rivista e arricchite di altre "parole".

Ti pongo solamente un esempio, quando ci fu il messaggio del 25/05/2010, la veggente utilizzò la parola "modernismo" dove pernea TUTTO il messaggio. Padre Livio praticamente uscì fuori di testa (era un periodo particolare dove B16 aveva esposto in un contesto non banale una "teologia" estranea al cattolicesimo - una vera e conclamata rottura con la Tradizione Cattolica - nella famosa visita in Sinagoga, in quei giorni non si faceva che parlare di questo - anche (QUI) e (QUI) -, in più da pochi giorni, il caso Medugorie era passato dal Vescovo locale al Cardinale Ruini). Si precipitò ad intervistarla, chiedendole se avesse capito bene il termine, termine ovviamente carico di valore (una "bomba", praticamente, un rimprovero fortissimo per la Chiesa e per il Papa) la veggente confermò il termine, più e più volte, ma non seppe dire cosa significasse esattamente, lei pensava addirittura che la Madonna con quel discorso intendesse rimproverare le "donne che vanno in Chiesa con abiti sconci". Insomma Padre Livio comprese che quel "messaggio" era un messaggio chiaro e diretto che gettava luce un periodo oscuro del Pontificato di B16. Ovviamente i suoi commenti furono assai sfumati, ma la sua preoccupazione era oltre Tevere, dove quel termine fu più che compreso!

Renzo ha detto...

Sono preoccupato, caro don Camillo...
Lei afferma di messaggi della 'Gospa', dando per scontato che sia la Madonna, e annulla gli inviti della Chiesa che dice: "Nessuno può affermare questo!"
Scusa i 'veggenti' che hanno preso soldi a piene mani -addirittura una di loro ha aperto 2 conti correnti per farsi mandare soldi!-
e scrive "non mi sembra che sia segno che i veggenti vogliano "lucrare"..."?!
Ma lei è un prete? Spero di no, altrimenti povera Chiesa...

maria rossi ha detto...

Scusi don Camillo, ma lei ha messo in bacheca la lettera tradotta di mons. Viganò, che dice alcune cose, e poi nei commenti si comporta come se non l'avesse mai letta!?
Lei è proprio strano...

maria rossi ha detto...

Desidero anche far conoscere a lei, don Camillo, che la 'Gospa' (che per lei è la Madonna, ma per la Chiesa 'non constat'), mandò un messaggio ad alcuni frati ribelli , dicendo loro che non dovevano obbedire a nessuno(al Papa in primis - Romanis Pontificibus)!
Sono certo che lo sapeva.

E sul fatto che i 'veggenti' fossero sotto attacco dei comunisti è una bufala grossa come una casa. Tant'è vero che Viska (allora 16enne!)aveva 'così paura' da rispondere a tono e con arroganza a tutte le domande che le venivano rivolte.

Non mi pare che da parte sua ci sia una sana critica e meno ancora accolga la virtù della prudenza...

don Camillo ha detto...

Renzo, ancora non c'è il reato di opinione nella Chiesa, stiamo parlando tra persone che conoscono il fenomeno, io ho espresso chiaramente ciò che la Chiesa dichiara, ne condivido il metodo e il merito, ma sono libero di pensarla come voglio, fino a prova (!) contraria (!).

Detto questo, di quel che fanno i veggenti nella lor vita privata, non mi interessa minimamente. Possono avere 2, 3, infiniti conti correnti, non mi interessa, ci sono tante associazioni che fanno del bene, ad avere conti correnti, chi le dice che con quei soldi fanno qualcosa di illecito? Magari fanno opere di bene... magari basta informarsi, nooo?!

Ma ammettiamo che combinino un pasticcio, questo può far considerare le "apparizioni" meno vere?! Nelle apparizioni, "la Signora", desiderava che i "veggenti" entrassero in religione, non l'hanno fatto, è ovvio che poi questi ragazzi ora uomini si "sporcano" del fango del Mondo.

Ci sono state tante persone che si sono buttate a capofitto in queste apparizioni al punto di voler entrare "a forza" nella vita e nella vita privata dei veggenti, io li ho messi sempre in guardia, perchè? perchè sono uomini come noi, la "visione" non li rende "santi" loro come me devono fare un cammino di santità. Il risultato è stato disastroso, hanno visto che questi veggenti NON sono santi, e quindi han compreso che "tutto è falso". Da conoscitore di cose mariane, mi pare irragionevole questo discorso, semplicemente.

Circa poi i messaggio, ci sono quelli Ufficiali "dati alla parrocchia" che la parrocchia ha editato, destinati a tutti! Io a quelli mi riferisco. Gli altri possono essere interessanti, ma rientrano in un contesto di un "ancora più privato", che al momento non mi interessa, ma non significa che non possono essere messi sotto esame.

don Camillo ha detto...

L'ho letta molto bene! non dice nulla di nuovo!

Maria, i "veggenti" in quelle occasioni non parlano dei "propri doni mistici", o di quanto è bello essere mistici, ma fanno delle catechesi, anzi ottime catechesi (parlano come dovrebbe parlare un buon prete tradizionalista: Confessione, Santa Messa, digiuno, penitenza, Santo Rosario, Paradiso , Purgatorio, Inferno)! Se in quell'occasione hanno pure fenomeni mistici (fenomeni ancora scientificamente inspiegabili) la colpa è del fenomeno in se, che avviene in quella data ora, e con quelle caratteristiche, non le pare?! Loro in piena libertà dichiarano di parlare con la Madonna, se la Chiesa non li ha pubblicamente condannati (rilegga quel che ho scritto su) perchè deve farlo lei?!
Ciascuno che sta la sa bene quel che dice la Chiesa, ognuno poi agisce secondo la sua coscienza.

Anonimo ha detto...

http://www.tempi.it/papa-francesco-la-madonna-non-e-un-capoufficio-della-posta-che-invia-messaggi-ai-veggenti-tutti-i-giorni#.UoT7UtKZYuc

Forse un ammonimento a non preoccuparsi troppo di certe cose.

maria rossi ha detto...

Anche se tardi, vorrei far conoscere il mio pensiero. Io, su Medugorje, credo a quello che mi dice la Chiesa. Per Chiesa intendo : il Vescovo del luogo, la Conferenza episcopale della ex Jugoslavia e il Prefetto della Congregazione D.F. Al titolare di questo blog chiedo: ma lei, don Camillo (?!) a chi dà più fiducia: alla Chiesa o a dei 'veggenti' che disobbediscono al loro Vescovo, si stanno arricchendo e hanno dimostrato di essere bugiardi (le prove se vuole gliele faccio fornire direttamente da loro!)?