lunedì 16 maggio 2016

"Ma tanto e Diaconesse già ci sono"...

Un archimandrita, mi chiama dalla Grecia e mi commenta il TWEET di Angelo Becciu: "il vostro Papa frena, ma di fatto già per noi ci sono da un pezzo le Diaconesse nella Chiesa Romana"... a nulla sono servite le mie parole per metterci una pezza pietosa del tipo: "non non è vero, questa cosa non accadrà mai, ecc. ecc." ma lui incalzandomi mi azzittisce: "avete fatto mettere le mani addosso all'Eucaristia (vedi Ministre straordinarie), per noi SOLO il Sacerdote può avere questo diritto DIVINO... avete delle Sacerdotesse de facto e manco ci fate caso" il greco ovviamente mi saluta tra lo schifato e il triste con una frase in latino, “Contra factum non valet argumentum”.



«Anni fa se ne discusse nella commissione teologica internazionale, in Vaticano, quando Joseph Ratzinger era prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede. Fu una discussione estesa e ricordo che i teologi non riuscirono a raggiungere una posizione comune, c’erano tanti pareri differenti, tante divisioni…». Il cardinale Walter Kasper, grande teologo tedesco assai stimato da Francesco — a lui affidò la relazione introduttiva ai due Sinodi sulla famiglia — prevede un’altra discussione assai lunga, «immagino che alcuni saranno fieramente contrari, altri aperti…Però ricordo bene che lo stesso Ratzinger, alla fine, spiegò che non c’era ancora chiarezza ma la questione non era chiusa». In effetti il documento finale, nel 2003, a proposito delle donne diacono, riassumeva: «Spetterà al ministero di discernimento che il Signore ha stabilito nella sua Chiesa pronunciarsi con autorità». (Corriere)

Papa Francesco ha annunciato l'intenzione di istituire una Commissione di studio sul diaconato femminile, di cui si fa menzione nella Tradizione della Chiesa primitiva, ritenendo che le donne diacone sono "una possibilità per oggi".

Nelle prime comunità cristiane era presente il diaconato femminile.
È significativo che Papa Francesco abbia scelto l'incontro di oggi nell'Aula Nervi con circa 900 superiore generali degli istituti religiosi femminili (Uisg) per affrontare questo tema così decisivo. Le religiose gli hanno chiesto, nel corso di una sessione di domande e risposte perchè la Chiesa esclude le donne dal servire come diaconi. E una ha aggiunto: "Perchè non costruire una commissione ufficiale che potrebbe studiare la domanda?". Il Papa ha risposto che aveva parlato della questione una volta qualche anno fa con un "buon, saggio professore", che aveva studiato l'uso delle diaconesse nei primi secoli della Chiesa e gli ha aveva detto che ancora non è del tutto chiaro quale ruolo avessero. E soprattutto se "avevano l'ordinazione o no". "È rimasto un po' oscuro quale fossero ruolo e statuto delle diaconessae in quel momento".

"Costituire una Commissione ufficiale potrebbe studiare la questione?", si è chiesto il Papa ad alta voce. E poi si è risposto: "Credo di sì. Sarebbe fare il bene della Chiesa di chiarire questo punto. Sono d'accordo. Io parlerò per fare qualcosa di simile. Accetto la proposta. Sembra utile per me avere una Commissione che chiarisca bene". (Avvenire)

11 commenti:

Peregrino Tuc ha detto...

Se è un grado dell'ordine, non dovrebbe esserci nulla da discutere, no?
La "clase discutidora" al potere ...

don Camillo ha detto...

Ratzinger rimettendo tutto in discussione ha annullato elegantemente il concetto di dogoma.

Peregrino Tuc ha detto...

Caro Don, ormai me ne impippo delle follie romane.
Mi basta la messa, la tradizione e la sobria devozione del nord.
Spero basterà per il momento dei novissimi.

https://www.youtube.com/watch?v=Dp3O3kF2juo

don gianluigi ha detto...

Ma son Camillo, per te la colpa è sempre di Ratzinger? Prima di lui e dopo di lui solo sana ortodossia? Mi sembri un "tantino", ma proprio appena appena prevenuto?

Peregrino Tuc ha detto...

Valori ecumenici dell'occidente.

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2016/05/28/israele-cristiana-araba-miss-trans-16_5ddc4e1c-021f-45bc-ba28-a384b239999c.html

don Camillo ha detto...

LUI è la vera eminenza grigia del pre-post Concilio, che diventa Papa per poi demolire il papato con il suo gesto premeditato già da cardinale.

Viene dichiarata una DOPPIA reggenza di papato da lui, continua a scrivere (diceva che non aveva le forze quindi non poteva essere Papa) riceve gente, taglia nastri, presiede funzioni con pulmann di gente,e quel poveretto di Socci ancora crede che è vittima di complotti...

Vabbè, che parlo a fare... anche se in pensione, se la chiesa andasse contro il volere di Dio per mano di altro Papa, io avrei comunque detto a fatto qualcosa... ma evidentemente a Razzinga va tutto più che bene... io aggiungerei OVVIO Papa Ciccio non fa che fare e proseguire la linea Ratzinger, in perfetta continuità... Solo che Papa Ciccio non ha quella intrinseca volontà sovvertitrice che ha avuto Ratzinger, quindi è scusabile, e proprio per questo la Provvidenza si servirà di lui a tempo debito, per ricondurre TUTTI A CRISTO e al SUO OVILE SANTO.

Peregrino Tuc ha detto...

OT. Segnalo una coraggiosa iniziativa del clero.

https://www.change.org/p/parlamentari-sindaci-basta-sanzioni-alla-siria-e-ai-siriani

Peregrino Tuc ha detto...

Segnalo queste considerazioni liturgiche. Mi inducono a pensare che occorra un difficile equilibrio per non cadere nel naturalismo e neppure nel soprannaturalismo.
Credo sia una cosa vecchia come la Chiesa stessa.

http://unafides33.blogspot.it/2016/05/la-messa-nuova-culla-del-naturalismo.html

Antonio Manzionna ha detto...

Scusa don Camillo ha detto: "...e proprio per questo la Provvidenza si servirà di lui a tempo debito, per ricondurre TUTTI A CRISTO e al SUO OVILE SANTO." Mi spieghi, don Camillo in base a quali elementi pensi che la Provvidenza si servirà di questo Papa? La sue azioni e le sue parole, a mio avviso, portano in tutt'altra direzione, e rovinosamente per giunta!

Peregrino Tuc ha detto...

segnalo

http://www.tempi.it/chi-ha-trasmesso-il-documentario-piu-crudele-contro-madre-teresa-la-tv-dei-vescovi#.V8_P7FuLSM8

Anonimo ha detto...

http://www.marcotosatti.com/2016/09/28/per-i-vescovi-tedeschi-maria-era-un-po-vergine-forse-una-nuova-edizione-della-bibbia-obbligatoria/