giovedì 28 novembre 2013

LIBER SACRAMENTORUM del Beato Alfredo Ildefonso Schuster Cardinale, Abate e Arcivescovo di Milano tutta l'Opera in PDF



Queste rapide note in origine erano destinate alla ristretta cerchia dei miei discepoli, prima nella Pontificia Scuola Superiore di Musica Sacra, quindi nel Pontificio Istituto Orientale a Roma. Cedendo poi alle insistenze di autorevoli personaggi, che le volevano di pubblica ragione, nel licenziarle oggi alle stampe non ho altro scopo che di far parte alle anime pie e studiose, specialmente tra i miei confratelli nel sacerdozio, di quel sentimento di fede e di casta dilezione, che il Signore volle già apprestare a me indegno nella quotidiana meditazione del Messale Romano. 

Non ho voluto scrivere un'opera esclusivamente pei dotti, nè un libro di sola pietà. Tutta la teologia è condensata nelle venerande ed arcaiche formole romane del Divin Sacrificio, e la fede inoltre mi ricorda, che il Divin Salvatore ha costituito la Chiesa erede della mistica scienza della preghiera, e dell'arte d'aprire e serrare, mediante gl'ineffabili gemiti del Paraclito, il cuore di Dio. Omnipotentia supplex. Mi son quindi guardato d'analizzare i formulari Eucaristici coll'indifferenza del critico, che tiene appena conto dell'arcaicità dei documenti; ma vi ho unito invece quella trepida riverenza del credente, che in quelle pagine così divinamente sublimi sente il palpito di mille generazioni di Martiri, di Dottori e di Santi, i quali, più che ideate e recitate, le hanno vissute.
È certo infatti che il Messale Romano rappresenta nel suo complesso l'opera più elevata e importante della letteratura ecclesiastica, quella che riflette più fedelmente la vita della Chiesa, il poema sacro al quale "ha posto mano cielo e terra".

Illustrare con tocchi rapidi e precisi, con energiche sintesi questo libro dal lato storico e archeologico, farne rilevare nei luoghi più importanti l'autorità teologica, porne in evidenza l'arte e la bellezza del contenuto mistico, ecco lo scopo che mi sono proposto. Altri avrebbe forse preferito che io fossi stato meno conciso, e che, invece d'un lavoro di studio privato e di preparazione dello spirito alla recita intelligente delle preci contenute nel Messale, - Psallam spiritu, psallam et mente: vuole san Paolo - ne avessi fatto una completa esposizione o commento. Questo sarebbe stato altresì il mio primitivo disegno, ma l'ho dovuto ridurre per via, quando, a un terzo appena del lavoro, il Signore ha voluto distogliermi improvvisamente dai libri e dalle biblioteche, per confidarmi invece il governo pastorale di questa illustre ed antica chiesa, la quale, più che la mia penna, reclama in quest'ora il servizio delle mie povere braccia. Le note che seguono rappresentano quindi lo sterile frutto di quelle rare briciole di tempo che possono sopravanzare ad un pastore di anime. Comunque sia, il desiderio dei discepoli e degli amici resta soddisfatto colla stampa di questo Liber Sacramentorum, e dedicandolo appunto a loro, faccio miio il voto del grande Apostolo, presso la cui sacra Tomba l'ho dettato: Et nunc commendo vos Deo et verbo gratiae ipsius, qui potens est aedificare et dare haereditatem in sanctificatis omnibus (Act., XX, 32). 

Roma , Basilica Patriarcale di San Paolo,
in Natali Apostolorum MCMXIX.

+ ILDEFONSO 
Abbate e Ordinario





https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlc3I0VzZ5RkRVbDg/edit?usp=sharing
1 Vol.: 80,8 MB


 
https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlekZrSjlNTFJTekE/edit?usp=sharing
2 Vol.: 78,7 MB


https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlaDdqeDNjSXhYck0/edit?usp=sharing
3 Vol.: 94 MB


https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlY2ZTY3lvdnRWQjA/edit?usp=sharing
4 Vol.: 73,8 MB


https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlSFJtbklYZVlnTG8/edit?usp=sharing
5 Vol.: 86,6 MB


https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlamQ0TGw3OXY3dVU/edit?usp=sharing
6 Vol.: 94,7 MB


https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlTnhLWjJCYnZPYTQ/edit?usp=sharing
7 Vol.: 126,1 MB


https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlTXI2N0xSdGcwOGs/edit?usp=sharing
8 Vol.: 100,2 MB

https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlSGtEYnlra0RfX1k/edit?usp=sharing
9 Vol.: 83,7 MB


https://drive.google.com/file/d/0Bzp4nFzhhdRlN2J3NmZ6N3BNWlU/edit?usp=sharing
10 Vol.: 13,7 MB



15 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma perchè i siti "tradizionalisti" fanno finta che questo beneamato blog non esista? Eppure lei è prete, lei è presente su internet da anni, e soprattutto perchè questi suoi lavori: questo suo condividere queste "perle di Tradizione" la mettono al di sopra di tante chiacchiere inutili e dannose!

Insomma, grazie! E' vero quel che dice: con lei non si esce mai da questo blog a mani vuote. Dio la benedica.

Unknown ha detto...

Buonasera, e complimenti per il lavoro compiuto! Non si riesce a scaricare il vol. 4... il "pulsante" non funziona...

don Camillo ha detto...

E' ignorato semplicemente perchè come prete tradizionalista (perchè lo sono!) non passo il tempo a inveire, canzonare, motteggiare il Papa, o "meglio" non mi metto ad insegnare al Papa a fare il Papa, come su Messainlatino, o Chiesaepostconcilio.
La personalità di Bergoglio è molto complessa, è molto più tradizionalista di Ratzinger, e non lo dico io. Ma ad un dato tempo tutto si saprà.
Io continuo a formarmi ed aiutare a formare, anche attraverso quest'opera di divulgazione che, come qualcuno ha notato, mi prende molte ore, che sottraggo al sonno. Ma tutte spese benissimo.

Questo modesto spazio, le assicuro, non ha problemi di visibilità. E poi detto tra noi, non ci tengo proprio ad essere "esposto", come in una vetrina, al lato nè "destro" nè "sinistro" di chicchessia blog che non riconosco più come amici, e chi mi "espone" non ha chiesto certo il mio permesso, ne tanto meno ha il mio consenso, se vogliamo dirla tutta!

Chi viene qua ha il mio affettuoso benvenuto, nessuno respingo, e tutti posso scrivere liberamente, purchè rispettino i miei sentimenti e quelli dei miei gentili ospiti!

don Camillo ha detto...

Il 4 pulsante ora funziona. Grazie per la segnalazione.

Ἰουστινιανός ha detto...

Grazie tanto! In verità, non posso dire altro al di fueri di questo.

È veramente lodevole questo lavoro suo sulle fonti liturgice: in verità avremmo più frutti da esse che da tutte le discussioni che possiamo avere.

Magari Francesco sia così tradizionalista come Lei dice (io non lo penso allo stesso modo, ma vorrei sbagliarmi). Comunque mi pare che la Benedettolatria che stiamo vedendo in molti ambienti tradizionalisti non sia che una manifestazione tarda di un fenomeno da cui i tradizionalisti non siamo ancora usciti: l'idealizzazione del passato. In verità, mi pare lo stesso atteggiamento di coloro che vorrebbero il ritorno di Pio XII (vero e proprio "modernizzatore", e distruttore della Liturgia!!).

Ancora una volta, grazie!

Kyrie eleison

Anonimo ha detto...

In effetti questo Papa è poco prevedibile.
Accanto a tanti fatti e affermazioni che hanno stupito non proprio positivamente, anche chi non è intenzionato pregiudizialmente a criticare, come alcuni passaggi di famose interviste, riesce a dire cose che danno coraggio.
Io ho trovato questa omelia molto bella.

http://www.avvenire.it/Papa_Francesco/santmarta/Pagine/fede-non-fatto-privato.aspx

Chissà, non ci interroghiamo troppo, preghiamo e lasciamo fare a Dio.

don Camillo ha detto...

Ἰουστινιανός, è molto vero quel che dici, più di una volta ci siamo confrontati su questi argomenti in passato. E rispondendo anche all'Anonimo (18:48), da un Papa che appena eletto, certamente in un impeto, ha dichiarato: "Chi non prega Gesù prega il demonio", ci si può aspettare davvero qualcosa di sorprendente!

Per esempio, c'è chi lo accusa di essere "amico" degli ebrei... ma c'è modo e modo, B16, li considerava "diversamente cristiani" avendo addirittura "concesso" loro assurde "prerogative", Francesco, mi sembra, che li considera degli ebrei semplicemente degli ebrei anzi degli amici ebrei... Anche io ho amici ebrei a cui ho battezzato i figli, per esempio, a cui ho detto chiaramente, anzi ho ripetuto chiaramente le SANTISSIME PAROLE DI GESU' sulla necessità del battesimo (per gli ebrei) per la salvezza!

Detto questo, sono settimane che ho delle notizie che riguardano il Papa e "la Tradizione", ma ben mi guardo dal dirle, non per paura dei modernisti, ma per paura dei "finti" Tradizionalisti, che potrebbero utilizzare il tutto contro il Papa!

Pensa a che punto siamo arrivati!

Anonimo ha detto...

Ha ragione purtroppo. Esistono alcuni "tradizionalisti" così compiaciuti di se stessi, anche sacerdoti, che trasformano i loro ambiti, talvolta perfino le parrocchie, in luoghi dove se non ti appiattisci sulla loro personalità ti fanno sentire apertamente il loro fastidio.
E' inutile tutta la battaglia liturgica, dogmatica e morale se i suoi primi frutti non sono l'aumento della carità e della santità. Anche i "tradizionalisti" hanno il peccato originale, no? Il ritorno alla tradizione dovrebbe avere proprio lo scopo di una più radicale rinuncia al mondo e di una più radicale ricerca di Dio. Altrimenti si fanno i club privé!
Sia chiaro: parla l'ultimo dei peccatori ...

Anonimo ha detto...

Grazie davvero, reverendo, tanto delle utilissime fonti messe a disposizione di tutti, quanto della Sua diuturna testimonianza di equilibrio in dottrina e nella prassi. Quell'equilibrio che rimane l'autentico indice di un "pensare" (e di un "fare") cattolico.
Con affetto e stima

Marco Plesnicar, Gorizia

don Camillo ha detto...

Grazie per queste attestazione di stima, che incoraggiano sempre!
Dio vi benedica.

Anonimo ha detto...

non riesco a scaricare il vol. 10

don Camillo ha detto...

Io la scarico normalmente, prova con un altro PC.

Alessandro Della Rocca ha detto...

Grazie grazie grazie!!! Per queste perle che condivide con noi. Quanta ricchezza perduta che invece davvero, in questi tempi confusi, conferma e fa crescere nella fede. Che il Signore la benedica!

don Camillo ha detto...

Grazie per queste belle parole. Grazie del passaggio.

Maycon Vieira ha detto...

Il dowload non sta accadendo . Qualcuno mi può aiutare ?
grazie

Dal Brasil

maycon_dv_3@hotmail.com